Seleziona una pagina

Il giardino di villa Romeo

In merito alla vicenda del giardino di villa Romeo a Posillipo, che negli ultimi anni è stato oggetto di discussioni, procedure legali e discordie, adesso finalmente i riflettori si sono abbassati. Le piante e tutto il verde creato con cura e tanta passione dall’avv. Alfredo Romeo, non ci sono più.

Il giardino di villa Romeo a Posillipo un oasi di verde creata in un area di abbandono, una discarica a cielo aperto. Un area riqualificata a spese proprie, da un privato cittadino senza mai chiedere nulla, e senza vietare l’accesso a chi vi volesse transitare o sostare.

Dopo anni di vicende giudiziarie, il giardino di villa Romeo a Posillipo non c’è più. Le piante sono state estirpate e trasferite all’orto botanico.

Lettera aperta al direttore del mattino di napoli

Ed è con grande rammarico che l’avv. Alfredo Romeo sente di inviare una lettera aperta al Direttore del giornale “Il Mattino” di Napoli. che recita quanto segue:

Caro Direttore….”Non ho mai voluto impossessarmi di niente, Ho solo sognato il Verde”…(per la lettura si rimanda all’articolo).

Come inizia la storia sul giardino di villa Romeo?

Alfredo Romeo è un’imprenditore di successo che vive in una bella casa sul mare di Posillipo, conosciuta da molti come “Villa Romeo”, affacciandosi dal suo balcone non ama vedere il degrado dell’arenile di fronte casa sua violentato da rifiuti, siringhe e plastiche catramose portate dal mare ma immagina un giardino verde ed è così che a sue spese, lo realizza.

E qui sta proprio il punto da sottolineare: Alfredo Romeo non ha mai reclamato nulla, ha affermato che “La bellezza è un dono non una proprietà… quell’area non è mia e non ho mai preteso che lo fosse”, Alfredo Romeo non ha mai vietato l’accesso a nessuno, ma ha preteso la bellezza.

Questo è stato lo spirito che ha spinto Alfredo Romeo a fare diventare quel pezzo di spiaggia un amabile oasi di verde fatta di piante che conosce una per una come creature che vanno seguite con amore durante la propria crescita.

Oggi c’è l’amarezza di Alfredo Romeo perché quelle piante sono state sfrattate insieme alle loro storie, sono state considerate abusive insieme alla loro bellezza, ed essere soppiantate dal legale degrado, perché c’è in lui la triste consapevolezza che adesso, nessun cittadino potrà più a godere di quella bellezza e serenità che solo un’area verde curata con amore sapeva dare.

Finalmente non si parlerà più del caso “il giardino di villa Romeo”, un oasi di verde creato con cura e tanto amore, e che oggi non c’è più..

Questa è la storia del giardino di villa Romeo!