Seleziona una pagina

Progetto Insula 

Il progetto Insula che prevede la riqualificazione urbana del Borgo Antica Dogana di Napoli, sostenuto, con convinzione da Alfredo Romeo, da attuare attraverso la Romeo Gestioni, potrà dare un contributo innovativo al rilancio della città mettendo in campo la propria trentennale esperienza nella gestione dei patrimoni immobiliari.

L’idea di Alfredo Romeo è che bisogna individuare delle aree o “Insulae” della città che abbiano delle caratteristiche di omogeneità e di una identificazione nella percezione dei cittadini che si traduce in un senso di appartenenza a quel determinato territorio.

L’ipotesi di base è che quel territorio diventi una Risorsa e non un Costo per la comunità e che la corretta gestione delle potenzialità lì concentrate, possa garantire non soltanto la bonifica strutturale ed estetica di quell’area, ma che alla crescita di valore si affianchi una autosufficienza economica anche a fronte della erogazione dei servizi basilari come la raccolta differenziata, la gestione del verde, la sicurezza, l’illuminazione, i parcheggi , la manutenzione delle strade e quant’altro legato a quel Territorio.

 Il Progetto Insula di Alfredo Romeo

La Romeo Gestioni sostiene che il progetto insula così come pensato da Alfredo Romeo, è un progetto che se realizzato, apre una innovativa visione dell’urbanistica moderna, un piano di risanamento e di valorizzazione dell’area, senza oneri per il Comune applicando nuove formule gestionali del territorio come il principio di Democrazia Partecipata.

Si tratta nello specifico della risistemazione funzionale, armonica e urbanisticamente moderna di un segmento storico della città; Il progetto Insula di Napoli, interessa un’area di quattro ettari e mezzo che coinvolge oltre 3000 cittadini fruitori con un flusso giornaliero di circa diecimila persone.

Alfredo Romeo vede il progetto insula sviluppato dal team della Romeo Gestioni, come un grande condominio urbano, un volano che può generare ricchezza e, se realizzato, il valore degli immobili ricadenti nell’area, subirebbero un incremento di valore notevole.

E’ un progetto sostiene Alfredo Romeo, che per svilupparsi ha bisogno del sostegno del comune e degli Enti preposti con i responsabili per ogni settore che riescano a lavorare in perfetta sinergia. Il rischio che purtroppo si va sempre più concretizzando, è che essendo in presenza della mancanza di reali conoscenze del territorio e in mancanza di tale sinergia, centinaia di migliaia di euro di tributi vengano ogni anno elusi e che il Comune non incassi che le briciole.

Se venisse affidata la gestione di tale progetto ad un soggetto privato professionalmente capace, la musica cambierebbe: “Gli introiti crescerebbero, i servizi funzionerebbero e tutti, soprattutto i cittadini, ne trarrebbero dei benefici.