Seleziona una pagina

Senatore Margiotta – Presentata una interrogazione Parlamentare

Senatore Margiotta – Interrogazione parlamentare

La Consip discrimina la Romeo Gestioni con azione proditoria escludendola da alcune gare e in merito il Senatore Margiotta ha presentato un Interrogazione Parlamentare. L’avv. Alfredo Romeo chiarisce, con una intervista rilasciata a la Repubblica, che la Consip è un soggetto di diritto privato che ha svolto un’azione autonoma e impropria escludendo la Romeo Gestioni dalle gare, senza che ci fosse un reale accertamento dei fatti da parte della Magistratura e senza che sia stato trovato nell’azienda uno spillo fuori posto.

Con il suo operato, la Consip ha messo ingiustamente in mora un’azienda sana che dà lavoro a 3000 dipendenti e ventimila dell’indotto, e quindi solo in base a un pericoloso e gratuito pregiudizio.

Se la Consip esclude Romeo Gestioni dalle gare senza una valida motivazione, c’è evidentemente una falla nel sistema.

E, a riprova che i criteri di esclusione adottati dalla Consip, la centrale acquisti dello Stato, suscitino forti perplessità, vengono avvalorati anche dalla politica, come dimostra la recente interrogazione parlamentare del senatore Margiotta (Pd), ai ministri dell’economia, Tria e del lavoro Di Maio.

Interrogazione in cui si chiede di monitorare la Consip, e dove si denuncia: “l’esercizio di un ingiustificabile comportamento discriminatorio da parte di Consip SpA nei confronti ed in danno della Romeo Gestioni SpA, con il mancato annullamento delle gare e la mancata adozione di provvedimenti di autotutela coerenti con quanto emerso realmente dalle indagini”.

La Romeo Gestioni non può certo accettare passivamente quella che è ritenuta un’ingiustizia che ha, non solo danneggiato economicamente l’azienda, ma che mina la tenuta del sistema economico in generale e la certezza del diritto di non colpevolezza fino a prova contraria.

Il Gruppo Romeo per difendersi e tutelare i propri lavoratori, ha avviato vari ricorsi, citando la Consip in sede civile, presentando una richiesta danni a risarcimento per un miliardo e 350 milioni.

Nell’intervista rilasciata a la Repubblica, alla domanda se cercava rapporti con il potere politico, l’avv. Alfredo Romeo risponde che non ama la mondanità ma, essendo un uomo pubblico e un imprenditore con una leadership in alcuni settori, è scontato che debba avere relazioni ma non c’è nessun uomo politico con cui è stato sorpreso a parlare nelle intercettazioni di cui è oggetto da dieci anni.

+39 06 3287 6111

settore di interesse

Gestione Patrimoni Immobiliari
Servizi Immobiliari
Hotel & Wellness

© 2018 All Rights Reserved – Powered by Diginame

Pin It on Pinterest

Shares
Share This